ISSIAMO LE VELE AL VENTO!

Cari soci, definire la stagione in corso anomala è riduttivo. La gravità degli eventi ci ha precluso, fino al precedente decreto, ogni tipo di attività. Con l’ultimo decreto è stato possibile svolgere attività sportiva con le imbarcazioni e più di qualche socio ha sperimentato l’efficacia del provvedimento veleggiando in presenza delle forze dell’ordine. Il 3 giugno verrà emesso il nuovo decreto il cui contenuto non è più di tanto prevedibile perché dipenderà dall’andamento del contagio dei prossimi giorni.

Così prima del 3 giugno sarà impossibile programmare seriamente eventi come regate, manifestazioni, o ritrovi conviviali. Nel rispetto del decreto è comunque possibile veleggiare in laguna senza particolari restrizioni, purché non si verifichino assembramenti. Considerando che la responsabilità del rispetto delle norme all’interno dell’imbarcazione è a carico del parón, il Consiglio AVT ha pensato di fare cosa gradita ai soci e a tutti gli appassionati di vela al terzo proponendo una veleggiata evocativa della regata Chioggia Venezia.

La partenza è prevista presso il Canale Allacciante per le 12.30. Non sarà una partenza da regatanti quindi non ci sarà una linea precisa ma un avviso via VHF. Il percorso prevede di tenere ad est l’isola del Fisolo ed arrivare a Poveglia, dove ognuno getterà la propria ancora e consumerà ciò che sarà rimasto delle merende. Non verranno registrati arrivi né tempi di percorrenza.

Per aggiungere un po’ di tecnica, nel coso della veleggiata, avranno luogo delle prove di presa di boa che consisteranno nell’abilità dell’equipaggio di approcciare la bragagna Attilia ed inserire un’offerta libera nel retino che uscirà a più di un metro dal suo fianco. La somma raccolta verrà devoluta alla Croce Verde a titolo di riconoscenza per l’importante lavoro svolto.

Come già scritto, si ricorda che, al momento, non sono concessi assembramenti e si dovrà mantenere una debita distanza tra le imbarcazioni, almeno uno o due metri. Affiancarsi a lai può considerarsi una violazione di questa regola. Chi riterrà di farlo dovrà essere consapevole di questo e del fatto che lo farà in assoluta autonomia. AVT non può che sottolinearlo ma non è certo un organo di vigilanza.

Vi aspettiamo numerosi e buon vento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *